Danno subito dal motociclista

L’amministrazione comunale è responsabile del danno subito dal motociclista caduto a causa della cera presente sul manto stradale, in seguito ad una processione religiosa. Nel caso di specie, infatti, non ricorre il caso fortuito di cui all’art. 2051 c.c., in quanto il custode (ossia il comune) ha avuto la possibilità di prevedere che la cosa in custodia (la strada), così come inserita nel concreto dinamismo causale, avrebbe potuto cagionare il danno. In tal senso si è espressa la Corte di Cassazione con l’ordinanza del 23 gennaio 2019 n. 1725, confermando, ancora una volta, l’orientamento della giurisprudenza sula responsabilità della pubblica amministrazione per danno da cosa in custodia.

Fonte. Altalex.it

I commenti sono chiusi